novembre

27^ Sagra nazionale del tartufo bianco pregiato

1, 8, 15 novembre 2009

Savigno - Valsamoggia (BO)

Dai fulmini di Giove alla piazza di Savigno:
sulle tracce del tartufo bianco pregiato


I sovrani ne avevano sempre sulle proprie tavole imbandite. I romani credevano avessero un'origine divina: li generavano i fulmini scagliati da Giove. I latini vi attribuirono qualità afrodisiache, leggenda tramandata fino ad oggi, che rendevano uomini e donne "più amabili". Si tratta del tuber magnatum pico, il tartufo bianco pregiato, "dio ipogeo" al quale Savigno si è decisamente consacrato…
Il tartufo bianco pregiato nasce nelle macchie della nostra regione dove trova terreni e climi adatti, in particolar modo nell'alta valle del Samoggia, dove questo eccellente prodotto del bosco raggiunge i più alti standard qualitativi, e dove un mondo di romantici appassionati, i tartufai, celebra con il rito della "cerca" il suo annuale tributo al tartufo…
La ricerca del tartufo è infatti nel Dna di Savigno, l'altissima percentuale di tartufai presenti nella popolazione (si parla di oltre 1300 persone su un numero di abitanti di poco più del doppio…) ha contribuito a creare quella speciale "aria" che si sente entrando in paese: atmosfera fatta di storie di uomini e cani, di aneddoti, racconti ed esperienze di un mondo ancora strettamente legato alla natura, fatto di piccoli segreti e tanta passione, fatica e cammino sotto la luna alle prime luci dell'alba…
E così da oltre 25 anni il prezioso fungo sotterraneo viene festeggiato e gustato durante le prime tre domeniche di novembre grazie alla "Sagra del Tartufo Bianco Pregiato di Savigno e dei Colli Bolognesi". Appuntamento diventato imperdibile per gli amanti del tartufo e per quanti comunque apprezzano una manifestazione che negli anni si è ampliata e arricchita grazie allo sforzo di associazioni locali, commercianti e cittadini, facendo entrare a pieno diritto Savigno fra le "Città del Tartufo" e fra le "Città dei Sapori". Nel tempo l'appuntamento con il tartufo, rinnovato annualmente anche grazie al circuito provinciale di Tartufesta e alle feste collegate, è infatti diventato sempre più importante, l'attenzione e la passione intorno a questo speciale "figlio" del bosco è cresciuta diventando l'evento ormai irrinunciabile di novembre: sulla piazza principale un mosaico di stand tematici parlano del mondo del tartufo e danno modo a chiunque di poterlo acquistare e gustare, un momento unico per ritrovarne l'aroma, la storia e la leggenda...

1 - 8 - 15 novembre 2009
XXVI Sagra Nazionale del Tartufo Bianco Pregiato di Savigno e dei Colli Bolognesi


Durante la sagra:

- Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco Pregiato, nella piazza principale di Savigno con espositori del pregiato prodotto provenienti da tutta Italia.

- Mostra Mercato del Vecchio e dell'antico, hobbisti e antiquari per le vie del paese

- Mercato delle Cose Buone, vendita dei prodotti dell'agricoltura biologica e locale direttamente dal produttore al consumatore.
Informazioni