maggio

La Gnoccata

13 maggio

Guastalla (RE)

Gli gnocchi più famosi restano i classici a base di patate e farina. Un cibo semplice e povero, che però poteva essere un lusso in tempi di miseria nera. Come accadde nel 1869 a Guastalla, anno di nascita della Gnoccata, festa popolare inventata come risposta alla iniqua ‘tassa sul macinato’, che colpiva tutti, ma in particolar modo le classi più povere.
Allora la borghesia organizzò una grande distribuzione di gnocchi fumanti e Guastalla ha mantenuto viva la tradizione con una manifestazione che si svolge nel mese di maggio, a cadenza triennale.
La cittadina gonzaghesca sulle rive del Po ripropone la festa popolare in costume con degustazioni gastronomiche. Le vie del centro sono attraversate da un corteo storico di carri trainati da cavalli o da buoi, sui quali viene rappresentata simbolicamente la vita quotidiana e sociale degli inizi del secolo scorso. Il corteo raggiunge la piazza principale, dove, dopo la lettura del proclama d’insediamento di Re Gnocco - figura carnevalesca a cui viene affidato, per un giorno, il governo della città - avviene la distribuzione dei piatti fumanti.
Gli gnocchi sono cucinati sul sagrato della cattedrale, di fronte a migliaia di persone pronte alla degustazione.
I due giorni di festa prevedono danze storiche, fuochi d’artificio e la gara per il miglior soffritto.

 

Informazioni